Implantologia a carico immediato: di cosa si tratta?

By 4 Maggio 2018 ottobre 22nd, 2018 Approfondimenti, ITA

L’implantologia a carico immediato è una tecnica che prevede il posizionamento chirurgico di impianti dentali ai quali viene applicata una protesi provvisoria entro le 24 ore dall’intervento. Si tratta di una procedura più veloce rispetto alla tecnica classica, senza la necessità di applicare protesi mobili o i tradizionali ponti. Chi può sfruttare questa tecnica? Quali sono i vantaggi? Scopriamolo insieme.

Carico immediato: di cosa si tratta?

La procedura a carico immediato nasce dall'esigenza di sostituire immediatamente elementi dentali persi per trauma o per patologie nei settori anteriori della bocca. Si tratta di una zona dove la mancanza di un dente è più evidente e diventa invalidante. Non solo dal punto di vista estetico ma soprattutto per problemi legati alla normale vita di relazione, oggi sempre più importante.

I vantaggi ottenuti con questa tecnica nei settori frontali sono applicabili anche per i denti posteriori e sono tanto maggiori tanti più sono gli elementi dentali da sostituire.

Ad oggi è infatti possibile riabilitare intere arcate con l’implantologia a carico immediato. Il paziente disporrà quindi di una protesi fissa in pochissimo tempo.

Qual è il reale vantaggio del carico immediato?

A differenza della procedura classica delle protesi supportate da impianti, nel carico immediato non si devono aspettare mesi tra l’inserimento degli impianti ed il posizionamento della protesi. Il reale vantaggio dell’implantologia a carico immediato risiede proprio in questi aspetti:

  • possibilità del paziente di avere una protesi fissa che sostituisce gli elementi dentali persi o mancanti in brevissimo tempo;
  • senza ricorrere a protesi mobili;
  • senza dover ricorrere ai tradizionali ponti che interesserebbero gli elementi dentali adiacenti ai denti da rimpiazzare.

Quando è possibile effettuare la procedura a carico immediato?

L’implantologia a carico immediato non può però essere effettuata in ogni situazione. É necessario infatti che esistano condizioni favorevoli dell’osso in cui vengono inseriti gli impianti.

Al contrario, la procedura di carico immediato può creare problemi alla guarigione dell’osso attorno agli impianti. Se l’osso non guarisce correttamente, è possibile perdere l’osteointegrazione, condizione necessaria per il corretto funzionamento degli impianti dentali.

Esistono particolari controindicazioni per gli impianti a carico immediato?

A differenza dell’implantologia tradizionale, gli impianti a carico immediato devono avere una buona stabilità nell’osso sin dal momento della loro inserzione.

In alcuni casi, se le condizioni anatomiche dell’osso non sono ideali, non si riesce stabilizzare gli impianti in modo ottimale. Di conseguenza, non si possono caricare gli impianti con una protesi poche ore dopo l’intervento chirurgico.

Le moderne tecniche chirurgiche, ad esempio l’utilizzo di impianti inclinati, hanno aumentato notevolmente la possibilità dell’operatore di stabilizzare gli impianti durante la fase chirurgica di posizionamento e hanno ridotto le controindicazioni al carico immediato. Per saperne di più contatta lo Studio Odontoiatrico Andrea Parenti a Piacenza.